Perché la tastiera di Windows Phone 7 è eccezionale

Uno dei punti forti del nuovo sistema operativo mobile di Microsoft è la sua tastiera virtuale. E non lo dico solo per esperienza personale, infatti molte opinioni in rete sono concordi con questo giudizio. E’ ancora più interessante capire come funzioni la tastiera virtuale di Windows Phone 7, come spiegato in questo post di Microsoft Research, qui liberamente tradotto:

Gli utenti di Windows Phone 7 hanno la sensazione che le loro tastiere sappiano già cosa vogliono scrivere. Questa tastiera è nata dalla collaborazione tra il team di Microsoft Research e quello di Windows Phone 7. Tim Paek, un ricercatore del Mobile Computing Research Center, e Asela Gunawardana, un ricercatore del gruppo Machine Learning and Applied Statistics, hanno condotto il lavoro per Microsoft Research. Le loro controparti nel team di Windows Phone 7 team includono Eric Badger, capo sviluppatore, e Itai Almog, program manager. Essi hanno lavorato insieme per applicare i principi del machine learning per migliorare l’input della tastiera virtuale. L’obiettivo era semplice, sviluppare la una tastiera migliore. Il problema con le tastiere per smartphone è ovvio: le dita sono grandi, i tasti sono piccoli e i sensori non sempre sono affidabili il che ha come risultato un insieme di coordinate XY rumorose.

I gruppi di ricerca hanno affrontato il problema conducendo studi estesi su un prototipo di Windows Phone. Hanno raccolto dati sull’uso che le persone fanno delle tastiere virtuali e su come impugnano il telefono (usando solo i pollici ad esempio) e hanno studiato i punti di forza e le debolezze della concorrenza.

Utilizzando la loro esperienza in machine learning e linguistica hanno sviluppato un modello matematico che considera sia la geometria dello spazio della tastiera e quello che le persone sembra vogliano dire.

Il telefono usa inizialmente modelli statistici di schemi linguistici per cercare di capire quello che l’utente vuole scrivere. Poi il telefono usa modelli statistici di quali punti di contatto saranno visti posto che l’utente proverà a scrivere determinate lettere.

An individual's typing patterns, as collected by the Text Text Revolution! game
The typing patterns of an individual are collected by the game Text Text Revolution!

Sono stati raccolti dati su quanto gli utenti toccano lontano cercando di toccare alcuni tasti. Per raccogliere ulteriori dati il tool di raccolta dati è stato trasformato in un gioco  chiamato Text Text Revolution! da by Dmitry Rudchenko, uno sviluppatore del team di Badger. Il gioco non solo aiuta gli utenti a migliorare la loro accuratezza e velocità nella digitazione, ma genera anche dati ideali per addestrare modelli statistici. Dal lancio il gioco ha raccolto più di 20 milioni di tocchi per l’addestramento.

Combinando i modelli statistici degli schemi linguistici e dei punti di contatto, la tastiera cambia dinamicamente la dimensione virtuale del tasto della lettera successiva più probabile, in modo da avere una maggiore area.

Molti smartphone ora cercano di indovinare quello che l’utente intende scrivere. Per Windows Phone 7 il trucco è stato quello di migliorare il processo predittivo senza interferire con l’utente. Infatti un modello predittivo può essere talmente forte da scavalcare la volontà dell’utente. Questo modello invece permette alla statistica di variare la dimensione dei tasti, rispettando la volontà dell’utente.

Questo modello deve anche confrontarsi con quelli che sono i limiti degli smartphone odierni: la loro relativa mancanza di potenza di calcolo. Il gruppo di ricerca ha quindi passato molto tempo per semplificare gli algoritmi e farli eseguire molto velocemente sui dispositivi mobili. Non volevano certo che il sistema si bloccasse ad ogni utilizzo della tastiera. Per cui il sistema utilizza dei sistemi di “back off”, in cui il sistema reagisce variando i livelli di confidenza sugli obiettivi dell’utente. Il software può predire con elevata confidenza che alla fine della parola “keyboar” verrà quasi certamente la lettera “d”. E’ uno schema visto migliaia di volte. Ma con parole meno comuni, il sistema si astiene dal fare assunzioni forti. Suggerisce quindi tre o quattro possibilità come passo successivo o più semplicemente potrebbe determinare che dopo una consonante è probabile ci sia una vocale.

L’accoglienza della tastiera virtuale è stata ottima. Non solo la stampa si è congratulata, ma anche utenti individuali hanno espresso la loro soddisfazione.

I ricercatori hanno preso il loro approccio e lo hanno esteso ad altre lingue. Paek and Gunawardana, insieme al loro collega di Microsoft Research Chris Meek, hanno pubblicato una parte del loro lavoro in un articolo intitolato Usability Guided Key-Target Resizing for Soft Keyboards, presentato nel 2010 durante la Conferenza Internazionale sulle Interfacce Utente Intelligenti e anche Rudchencko ha pubblicato Text Text Revolution: A Game That Improves Text Entry on Mobile Touchscreen Keyboards, che sarà presentato nel 2011 alla Conferenza Internazionale sul Computing e sulle Comunicazioni Pervasive.

Pensavo valesse la pena condividere questa brillante soluzione, lo dico da soddisfattissimo utente.

Questa voce è stata pubblicata in Microsoft, WindowsPhone e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Perché la tastiera di Windows Phone 7 è eccezionale

  1. Pingback: Windows 8 e Metro: impressioni e desideri | Background noise

  2. Pingback: Tastiera windows phone 7 - Spettacolare | Windows Phone 7| Windows Phone 7

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...